Cascina Cuccagna, un percorso in bicicletta

Questa volta parliamo di un percorso da fare con una scatto fisso all’interno di Milano, che ci porterà alla fine in un angolo di Milano risorto da poco a nuova vita. Prendete la bici e partite dal centro di Milano. Proprio dal centro centro.

In Piazza Duomo ha da poco aperto i battenti uno spazio Aperol davvero degno di nota, non fosse altro che per la location sublime. Entrando nello spazio le cui vetrine portano le insegne della libreria Feltrinelli, all’angolo con la Galleria, e andando con l’ascensore all’ultimo piano possibile, uscendo vi troverete alcuni gradini sulla sinistra: portano a una stupenda balconata che affaccia direttamente sulle guglie e sulle statue del Duomo.

Qui iniziate con il bere qualcosa di dissetante e corroborante. Godetevi la vista del Duomo e della Piazza ancora un po’, poi mettetevi in viaggio. La prossima destinazione è Piazza Santo Stefano, giusto qualche pedalata più in là. Arrivati in Piazza Santo Stefano noterete una chiesa di fronte a voi. E un ingresso a quella che sembra un’altra chiesa sulla vostra sinistra.

Ecco, quell’ingresso porta direttamente a San Bernardino alle Ossa, uno degli ossari più “forti e strani” che Milano possieda. Entrate senza paura e guardatevi intorno: le ossa e i teschi sono posizionati in bell’ordine, a creare giochi e disegni e parole. Siete sempre a Milano, ma il buio e le ossa vi porteranno sicuramente in altri luoghi e in altri tempi. Con l’adrenalina che avete in corpo, adesso non rimane che pedalare veloce, per sfuggire alla paura! Destinazione: via Cuccagna. Si trova lungo la via Muratori, fra corso Lodi e viale Umbria.

Qui, in uno di quegli isolati urbani abbandonati negli anni e a due passi dal centro sociale vittoria, sorge la cascina Cuccagna, già sede, tempo fa, di un ristorante dal nome molto lungo che ricordava naviganti, sognatori e poeti e altro ancora. Proprio qui, in un quadrilatero con tanto di tranquillo giardino, affacciano: un negozio molto bio con aspirazioni a minimarket, un ristorante apparentemente non studiato in cui lavora lo chef  Nicola Cavallaro, un bar molto ben fornito che dispensa anche cappucci e caffè ai visitatori, una serie di tavoli accoglienti in spartano legno non trattato, un banco bar per bere succhi, concentrati, centrifugati, spritz.
Appoggiate la scatto fisso bene in vista e godetevi la Cuccagna. Quando avrete finito, il Parco Forlanini vi aspetta per una dolce sgambata!

 

0 Commenti

Non ci sono commenti per questo articolo.

Lascia un commento

 

You must be logged in to post a comment.

Hai smarrito la tua password?

Ricordami su questo Computer

...oppure crea un nuovo account

cliccando su richiedi riceverai una email con la tua nuova password

MINIMO 6 CARATTERI